giovedì 14 giugno 2012

Tutte cose che servono! Parte 1


Oggi voglio inaugurare una nuova rubrica, che tenterà di dare una risposta alla Domanda che tutti coloro che iniziano a dipingere si fano ovvero: “Cosa o di bisogno per iniziare?”. E Chiaro che già da subito sarebbe interessante sapere a che tipo di livello si vuole arrivare, in pittore wargames logicamente a bisogno di meno attrezzatture a confronto di un pittore di alto livello. Pero pero io dire semplicemente di iniziare.

Una dei materiali fondamentarli e sicuramente i colori madre oggi forma divina, ed anche un dei punti più costosi del Hobby. Il fatto e che ci vogliono molti colori….molti! quindi la scelta diventa molto importante. Come nelle sigarette tutte le marce diventano gusto personale, e solo dopo le proprietà vengono a gala.

Una delle Marche più conosciuta e senza dubbio i colori della GW(Affettuosamente anche chiamata Mamma GW). Tinte opache, brillanti, lucide, semi, lucide…… insomma ce ne di tutti i gusti, senza contare i shade… i Glaze e tutte le diavolerie che anno inventato ultimamente. Quindi una linea completa che non lasci niente al caso, colori penasti e creati per i giocatori.



Altra marca molto molto conosciuta a chiaramente la azienda spagnola della vallejo (Game colors), che al inizio cosi come adesso e equivalente della GW. La vallejo a una Ideologia dei colori molto simile a i suoi cugini inglesi, cosi tanto vero che molte tinte si assomigliano. Simile e anche la struttura della scala dei colori (shade/glaze).



 

Invece una marca che sta prendendo sempre più piede e la famosa Army Painter(Famosa per i suoi Quicksade), che e veramente ricca di ogni cosa possibile. Tantissime tinte in boccettina cosi come nelle bombole spray, i suoi colori non anno in regola un costo minore al confronto delle due altra aziende . Unnico problema e che non e proprio facile a trovarsi essendo una piccola(al confronto dei altri) Azienda.





Invece una marca che a me piace molto e la formula p3, che io personalmente trovo rivoluzionale i suoi colori. Molto molto belli i suoi colori metallici, un po’ deboli nei colori per incarno. Anche loro anno adottato i metodo dei wash, cosi da arrivare pari con le altre aziende. Unico problema e che sono molto difficili da acquistare, almeno per me.





Concludendo con la leggendaria marca super spagnola della Andrea cosa dire? Beh sono colori pensati per i pittori di alto livello, quindi non sono adatti secondo me a un pittore che desidera dipingere una armata. Tutte le sue tinte sono, tinte pensate per i modelli 54mm quindi….se volete potete provare qualche tinte pero non velo consoglio.




Spero che questo articolo sia stato utile se avete domande contattatemi pure.

 

1 commento:

  1. Interessante anche questo tutorial,meglio se fai vedere la tua postazione di lavoro e cosa usi... ci sarà da imparare. Continia così GEI

    RispondiElimina