mercoledì 22 ottobre 2014

Savage Horn/Slaine

Hehhe….Non avete mai sentito parlare di Slaine Mc Roth…ben nemmeno io inverita non eh il tipi di fumetto che lego di solito, pero nel mio ultimo viaggio a Perugia Matteo me la “Presentato”. In una notte buio e tenebrosa… Il fumetto e stato creato dal mitico Pat Mills un genio nel suo capo, il fumetto eh una specie di Fantasy/mitologico…il perno Centrale della storia e la cultura irlandese mitica ed oscura.

Slaine e un vagabondo scacciato dal suo clan che percorre la strada della avventura, in mano la sua fidata ascia chiamata Mordicervello. Nel suo cuore tanta voglia di avventura e attaccare briga con tutti..nel volgere della saga il mitico eroi diventerà poi il grande re dei celtici per guidare il proprio popolo contro il feroci nemici…..basta cosi! acquistate il fumetto velo consiglio vivamente.

1990 

comics-end-of-the-line-mural

biz00321

Ed ecco il mia versione del modello, mi sono basato molto sul versione originale della Nocturna….

http://www.coolminiornot.com/358247?browseid=10356901

img537db13791627

Chi erano il Celti?

“Con il nome di Celti si indica un insieme di popoli indoeuropei che, nel periodo di massimo splendore (IV-III secolo a.C.), erano estesi in un'ampia area dell'Europa, dalle Isole britanniche fino al bacino del Danubio, oltre ad alcuni insediamenti isolati più a sud, frutto dell'espansione verso le penisole iberica, italica e anatolica. Uniti dalle origini etniche e culturali, dalla condivisione di uno stesso fondo linguistico indoeuropeo e da una medesima visione religiosa, i Celti rimasero sempre politicamente frazionati; tra i vari gruppi di popolazioni celtiche si distinguono i Britanni, i Galli, i Pannoni, i Celtiberi e i Galati, stanziati rispettivamente nelle Isole Britanniche, nelle Gallie, in Pannonia, in Iberia e in Anatolia.

Portatori di un'originale e articolata cultura, i Celti furono soggetti a partire dal II secolo a.C. a una crescente pressione politica, militare e culturale da parte di altri due gruppi indoeuropei: i Germani, da nord, e i Romani, da sud. I Celti furono progressivamente sottomessi e assimilati, tanto che già nella tarda antichità l'uso delle loro lingue appare in netta decadenza. L'arretramento dei Celti come popolo autonomo è testimoniato proprio dalla marginalizzazione della loro lingua, presto confinata alle sole Isole britanniche. Lì infatti, dopo i grandi rimescolamenti altomedievali, emersero gli eredi storici dei Celti: le popolazioni dell'Irlanda e delle frange occidentali e settentrionali della Gran Bretagna, parlanti lingue brittoniche ogoideliche, le due varietà di lingue celtiche insulari.”

espansione_Celti

Nessun commento:

Posta un commento